Monte Secchieta

Il meteo è stato veramente buono con i Girelloni Aretini.
La camminata è iniziata dall’Abbazia di Vallombrosa.
Abbiamo visitato la Chiesa, l’orto botanico, la Farmacia,
il laghetto, il Pratone, la località ricettiva del Saltino…
…e il bar per un buon caffè.
Dopo di che siamo arrivati al Monte Secchieta 1449 m s.l.m.
e dopo una breve sosta e uno sguardo su Firenze, ci siamo
diretti verso la Capanna delle Guardie nel comune di Reggello
a 1373 m s.l.m. immerso nella Foresta di S.Antonio,
qui si gode un panorama su tutto il basso Valdarno,
dal lago di Castelnuovo dei Sabbioni fino alle colline del

Chianti Fiorentino e Senese.
Ripartiamo in direzione del crinale e troviamo nel sentiero,

inserita in un tronco d’albero una foto trappola per il controllo
degli animali selvatici, dopo circa 300 m vediamo dei sensori
per il controllo diametrale, istallate in un bosco di faggi.
Arrivati al valico di Croce al Cardeto (dove ci sono migliaia di
piante di Cardo ) la fame si fa sentire e decidiamo di pranzare
in un grande prato di erbe, che sembra un lago dorato ,
nella vetta di Poggio alla Cesta 1446 m s.l.m. .
Dopo pranzo raggiungiamo il Valico di Reggello, da qui
raggiungiamo Poggio Tre Confini 1436 m s.l.m. , dove
decidiamo visto l’orario di tornare indietro.
Nella via del ritorno visitiamo il Parco Eolico nei pressi di
Poggio della Risaia, composto da tre pale eoliche da 1,8 MW
ciascuna.
Arrivati di nuovo al Secchieta, dopo la sosta al Bar Giuntini,
ci salutiamo felici di aver passato una giornata all’aria
aperta in compagnia di persone che condividono emozioni
.

SOCIAL